Quanto tempo gli utenti rimangono sulla pagina.Perché?

clock-650753_1280

Hai 10 secondi di tempo per catturare l’attenzione dell’utente. Lo sapevi?

Rifermienti tratti da:
Articolo della Nielson Norman Group
Don’t make me think di Steve Krugs

tempo utente, immagine di un orologio

Sul web non si legge, si corre

E’ una corsa contro il tempo, forse la trama di Maze Runner ci si avvicina. E’ davvero difficile catturare l’attenzione dell’utente che visita la tua pagina web. Su internet siamo bombarti da stimoli e come meccanismo di difesa abbiamo eretto delle barriere attentive che ci permettono di giudicare un’intera pagina web nell’arco di pochi secondi.

Un articolo di Jakob Nielsen ci rivela che:

un visitatore rimane sulla pagina web solo dai 10 ai 20 secondi

La selezione naturale

Anche Darwin sarebbe d’accordo. La pagina che sopravvive ai primi 10 secondi, riesce a catturare l’attenzione degli utenti i quali incominceranno ad osservare il sito più attentamente. La selezione tuttavia continua. E’ ancora molto probabile che nei prossimi 20 secondi i visitatori lascino la pagina .

In conclusione, se riusciamo ad invogliare l’utente a rimanere per almeno mezzo minuto, si instaura un legame di fiducia con il sito, che porterà a far rimanere l’utente per circa 2 minuti. Per quanto possa sembrare un tempo breve, è un eternità nel web.

Perché scartiamo così velocemente le pagine?

Sono tre le motivazioni principali che ti portano ad uscire così velocemente.

  • Abbiamo un’obiettivo: spesso quando entriamo in una pagina, veniamo catapultati da Google in un altro mondo, se lo scopo per cui siamo entrati non viene subito visto, allora niente ci trattiene dall’andarcene

  • Non abbiamo bisogno di leggere tutto: dato che non tutto il testo è correlato al nostro obiettivo, il resto è irrilevante

  • Un visitatore legge solo un quarto dei testi scritti

  • E ci riesce bene: è da quando abbiamo imparato a leggere, che scorriamo le righe, sappiamo che sebbene è un metodo fallimentare, ci aiuta a non perdere tempo.
  • Sei ancora qua? Corri verso nuove pagine!

    Condividere è sexy:

    Leave a Reply

    eliapoliblog