Il dualismo tra ansia e tranquillità nel Design

non sono ansioso ansia e tranquillità

Lo sapevi che anche l’ansia serve nelle fasi di progettazione?


Il dualismo tra ansia e tranquillità

Non sempre siamo ansiosi e non sempre siamo tranquilli. Ma non per questo dobbiamo ricercare costantemente l’essere rilassati, i nostri stadi emotivi ci aiutano ad affrontare tutte le sfide che la vita ci pone davanti.

 

La tranquillità trova nuove soluzioni

immagine soluzioni matematiche ansia e tranquillità

La tranquillità induce il pensiero creativo, possiamo trovare molteplici soluzioni ad un problema. E’ essenziale essere rilassati nelle prime fasi di progettazione, qualche barzelletta un contesto amichevole aiutano. Fare un brainstorming senza giudicare se l’idea è giusta o sbagliata, niente critiche. Una volta che si sono raccolte le possibili soluzioni, bisogna iniziare a concentrarsi.

 

 

L’ansia ti aiuta a raggiungere l’obiettivo

visione da tunnel ansia e tranquillità

Non sempre l’ansia è un male, tutti cercano di abbatterla e di sfuggigli, ma l’ansia esiste e ci aiuta tutti i giorni. Prova ad immaginarti di dover dare un esame e non avere una data di scadenza, cosa succederebbe? Semplice, probabilmente non vedremo mai un voto.

In questa fase della progettazione bisogna darsi delle tempistiche e rispettarle. Bisogna comunque fare attenzione perché troppa ansia induce il fenomeno della visione da tunnel, non si riescono a trovare alternative ovvie .

Anche nei prodotti serve l’ansia

Tendenzialmente si cerca di eliminare qualsiasi associazione tra emozioni negative ed il prodotto, ma in qualche occasione serve provocare lo stato d’ansia, immaginati un applicazione che ti aiuta a dimagrire, bisogna spronare l’utente ad seguire un regime di attività fisica.

Il metodo più facile per allarmare l’utente è il suono

Inizia a condensarsi un fumo nero, l’incendio si propaga l’insegnate della scuola, preoccupata aziona l’allarme antincendio. Sospetto che l’allarme non avrebbe lo stesso effetto se al posto del suono, sputasse stelle filanti.

Bibbliografia

Relazione tra emozione e creatività

Emozione e pensiero

 Visione da tunnel

Emotional Design di Donald Norman

Condividere è sexy:

Leave a Reply

eliapoliblog