Larry Tesler e la legge di Tesler

Foto di larry tesler

Una delle leggi fondamentali dell’interaction-design è la legge di Tesler, o legge della conservazione della complessità.

 

Chi è Larry Tesler?

Nasce come informatico statunitense, divenne successivamente uno dei maggiori esperti in interaction-design al mondo. Ha lavorato presso Xerox PARC, Apple, Yahoo e ora è vice presidente del reparto user experience presso Amazon.com.

Larry in seguito da una intervista di Dan Saffer (autore del libro design dell’ interazione), chiarì quali qualità debba avere un’interaction designer. Cito testualmente:

“Un interaction designer deve avere abbastanza sicurezza da credere di poter risolvere qualsiasi problema di design, e abbastanza umiltà da capire che la maggior parte delle sue idee iniziali saranno sbagliate. Deve avere abbastanza umiltà da ascoltare le idee di altre persone che potrebbero essere migliori delle sue e abbastanza sicurezza da capire che seguire le idee di altre persone non diminuisce il suo valore come designer.”

 

 

La legge della conservazione della complessità:

Questa legge stabilisce che una certa quantità di complessità è inerente a qualsiasi processo. Esisterà sempre la complessità ed esisterà di conseguenza un punto oltre il quale è impossibile semplificare ulteriormente un processo.

Poniamo di dover andare a prendere nostra madre all’aeroporto. Tuttavia non ci ricordiamo a che ora atterrerà il volo, dobbiamo quindi chiamarla. Ora, per fare la chiamata dovremmo sapere il suo numero a memoria dato che è un’informazione fondamentale per attuare la chiamata stessa. Per fortuna il nostro smartphone tiene traccia di tutti i numeri di telefono salvati. L’intero processo sembrerebbe semplificato, ma in verità il compito “tenere in memoria il numero del telefono” non è stato affatto. Se ci dovessimo riflettere un attimo, capiremmo che la complessità è stata traferita da una parte (memoria umana) ad un’altra ( memoria del telefono). Il compito infatti non era ulteriormente semplificabile, come di fatto sostiene la legge di Tesler.

Ecco cosa possiamo desumere:

L’interaction designer dovrà quindi essere consapevole che tutti i processi hanno degli elementi che non potranno mai essere semplificati totalmente. E’ importante cercare di spostare, per quanto possibile, la complessità alla macchina e non all’uomo.

 

L’articolo è stato tratto dal libro “Design dell’interazione” di Dan Saffer.

 

 

 

Condividere è sexy:

Leave a Reply

eliapoliblog